Lettera inviata dall'Associazione Albert Schweitzer all'Arcivescovo Monsignor Pennisi riguardo l'Organo del Duomo di Monreale

Italiano

Organo del Duomo di Monreale: proposta di restauro all’Arcivescovo

Di seguito il documento inviato a mons. Pennisi, Arcivescovo della Diocesi di Monreale, per proporre il restauro e la rimodulazione del grande organo del Duomo di Monreale.

Curia Arcivescovile di Monreale
A Sua Eccellenza
Rev. Mons. Pennisi
Arcivescovo della Diocesi di Monreale

Oggetto: proposta di restauro e rimodulazione del grande organo del Duomo di Monreale

Premesse

L’associazione musicale Albert Schweitzer di Palermo, fondata nel 1990, svolge da 25 anni un’attività musicale e culturale, nel territorio siciliano, italiano e all’estero.

Per ragioni statuarie l’associazione ha dato ampio spazio alla valorizzazione di antichi e monumentali organi a canne della Sicilia, attraverso convegni, festivals, concerti.

Più volte l’associazione Schweitzer si è ritrovata a dibattere su problematiche inerenti il restauro, la tutela e salvaguardia degli antichi strumenti siciliani.

Per ricordare: le battaglie per salvare l’organo antico della Gancia, della città di Palermo; così pure la battaglia per evitare il depredamento dell’organo francese Cavaillé-Coll di Palermo, che, di fatto è stato vergognosamente smontato, ridotto ai minimi termini, posto dentro casse e sigillato presso una chiesa del messinese.

Tuttavia, l’associazione Schweitzer, attraverso gli innumerevoli concerti organistici, che hanno visto la partecipazione di musicisti di fama mondiale (Jean Guillou, Wayne Marshall ecc.) è riuscita a dare voce agli organi funzionanti e restaurati della Sicilia, ponendo l’accento anche sulla valorizzazione dei siti architettonici, ovvero le chiese storiche siciliane.

Progetto

A seguito del Convegno “Comunità Europea Palermo Arabo-Normanna e le Cattedrali di Cefalù e Monreale, patrimonio mondiale Unesco” tenutosi il 7 luglio 2015 alla GAM di Palermo, con la presenza di Leoluca Orlando e delle autorità di spicco della città, l’associazione musicale Albert Schweitzer di Palermo, prende spunto dall’iniziativa, e si fa carico di un progetto di restauro e rimodulazione del grande organo del Duomo di Monreale, al fine di restituire il magnifico strumento alla città di Monreale, alla Sicilia e all’Europa.

La settimana di Musica Sacra ha rappresentato nei 50 anni, la cultura musicale sacra e di ispirazione liturgica.

Aver privato il Duomo del suono dell’organo, a nostro avviso ha causato un depauperamento artistico e spirituale.

La musica sacra è il veicolo per tutte le anime che anelano a Dio.

Essendo il Duomo patrimonio Unesco, la Curia arcivescovile potrà richiedere un contributo a sostegno del restauro dell’organo.

A tal uopo l’associazione ha costituito un Team di esperti organisti e musicologi “Salviamo l’organo del duomo di Monreale”: Mauro Visconti (organista e direttore della Cattedrale di Palermo), Marco Intravaia (organista del Duomo di Monreale), Diego Cannizzaro (docente e organologo), Franco Vito Gaiezza (organista e docente), Leonardo Nicotra (organista e direttore del Santuario della Madonna di Trapani), Matteo Helfer (organista e docente di organo del Conservatorio di Palermo), Fernando Ruffatti della Fabbrica d’organi di Padova.

Il team intende stilare il seguente progetto di recupero dello strumento a canne della ditta Ruffatti di Padova anni ’60 ca., con i seguenti punti:

perizia generale dello stato attuale dell’organo (corpi e consolle, materiale fonico, e trasmissione elettrica, mantici, somieri).
richiesta di preventivo per restauro; rimodulazione della consolle (a salvaguardia dei mosaici) alle fabbriche siciliane dell’isola, accreditate dai Beni culturali e dalle soprintendenze alle belle arti della Regione Siciliana, e con i comprovanti requisiti per compiere restauri, a norma di legge.
Confronto della congruità dei prezzi, del lavoro da svolgere, dei tempi, della consegna, e dei criteri di restauro di tipo conservativo o di rinnovamento, là dove è richiesto; e scelta di un unico progetto di restauro.
L’associazione musicale Schweitzer svolgerà i suddetti punti, nella totale gratuità, e naturalmente con un protocollo d’intesa con la Curia Arcivescovile di Monreale.

Negli anni abbiamo subito passivamente l’intervento di pseudo-organari e millantatori organisti calati dal nord, dalla loquace parlantina, ma vuoti sul piano morale, spirituale e artistico.

Si tratta in verità di gente scarsa su tutti profili, soprattutto professionali.

L’organo di Monreale è stato più volte danneggiato e manomesso, e fatto oggetto di sperimentazioni elettroniche di dubbia fattura.

Dopo il recente articolo sul giornale di Sicilia, che informava l’opinione pubblica dei numerosi guasti e lo spegnimento degli ultimi rantoli del magnifico organo, alla luce di tali misfatti, l’associazione musicale Albert Schweitzer, ed il team “Salviamo l’organo a canne del Duomo di Monreale”, intendono offrire a Sua Eccellenza una vera e onesta collaborazione gratuita, per porre fine allo scempio, e per evitare che altri azzeccagarbugli, si introducano nell’organo, nel tentativo nefasto, di restaurarlo.

Il nostro team a tutt’oggi rappresenta la civiltà di intenti culturali e morali, che si sostanzia attraverso la condivisione e la dialettica.

L’unica strada percorribile è il confronto con i musicisti, organari, musicologi, che da oltre 30 anni si battono per la crescita di un territorio difficile come è la Sicilia.

Lei ha l’opportunità di non cadere nelle maglie dello sproloquio gratuito, della maldicenza, del mero giudizio.

Molti hanno giocato sull’equivoco e sulle mezze verità.

Ma a sconfiggere il pressappochismo e il pregiudizio, sono e saranno i fatti a dare peso alle valenze di ognuno.

Il male della Sicilia è che crediamo fortemente al non cambiamento.

Ci abbarbichiamo alle cose apparentemente ben confezionate, e ci illudiamo che siano le cose migliori.

Sarà il discernimento e il buon senso a filtrare e separare l’apparire dalla sostanza.

Il mondo può cambiare anche nei piccoli gesti, poiché questi semi di bontà rinvigoriranno lo spirito umano.

Palermo, 13 luglio 2015

In fede
Il vice-Presidente
Salvatore Garbo